Napoli (TMNews) - Il Sindaco di Napoli Luigi de Magistris ammette la sconfitta del progetto politico "Rivoluzione Civile", capeggiato da Antonio Ingroia e rimasto fuori dal Parlamento, e apre ai "cittadini" di Beppe Grillo: da loro - ha detto il sindaco - mi aspetto molto."Io spero che i grillini in Parlamento facciano cose migliori rispetto ai parlamentari uscenti, altrimenti immagino che il popolo non li avrebbe viotati. Li ha votati per un cambiamento e , siccome Napoli e i comuni hanno tanto bisogno del Parlamento italiano, io da sindaco di Napoli che rispetta questo voto e rispetta anche chi sta là in Parlamento, non cado in questo giochetto mediatico, mi rivolgo a loro per migliorare il Paese".De Magistris comunque si è detto preoccupato per il quadro di ingovernabilità del Paese emerso dalle elezioni, con nessuna maggioranza forte, Bersani potenziale premier ma ridimensionato e Grillo a fare da ago della bilancia."Mi sembra difficile che dia la fiducia né può limitarsi a dire: voterò riforma per riforma perché qualcuno la fiducia la deve dare e Berlusconi è troppo intelligenente per capire che, se si va a votare fra 4 mesi, se Grillo dà la fiducia a Bersani, lui vince le elezioni. Io più che preoccuparmi di Napoli e dell'allargamento che noi faremo alle forze sane della città, mi preoccupereri di trovare un governo al paese, altrimenti Napoli rimarrà la repubblica partenopea, rivoluzionaria e il resto non lo so... Vuol dire che ci proclameremo Repubblica autonoma".