Rio de Janeiro (askanews) - Lo scandalo corruzione che ha coinvolto il gruppo petrolifero statale Petrobras ha dominato l'ultimo dibattito televisivo tra Dilma Rousseff e il suo rivale Aecio Neves, in vista del ballottaggio alle presidenziali in Brasile in programma domenica 26 ottobre. Decine di milioni di telespettatori hanno assistito all'ultimo round della campagna elettorale. Neves ha rilanciato le accuse contro la presidente uscente sostenendo che fosse "a conoscenza del sistema di corruzione politica in seno a Petrobras"."Se analizziamo il ciclo di governo con Lula e Rousseff, esso sarà sempre associato ai più grandi scandali di corruzione della nostra storia", ha denunciato Neves."In tutti i partiti ci sono persone buone e persone cattive - ha replicato Rousseff - Vi assicuro che chiunque abbia commesso irregolarità la pagherà".Aiutata dalla potente macchina elettorale del Partito dei Lavoratori, Dilma Rousseff vanta, secondo gli ultimi sondaggi, tra i sei e gli otto punti di vantaggio sul candidato del Partito socialdemocratico brasiliano.(immagini Afp)