Il Cairo (askanews) - Un tribunale egiziano ha condannato all'ergastolo in primo grado Mohamed Badie, guida suprema dei Fratelli Musulmani, confermando inoltre la pena di morte per quattro co-imputati nel processo per l'uccisione di alcuni manifestanti avvenuta il 30 giugno del 2013.Oltre a Badie - già condannato alla pena capitale in un altro processo di cui dovrà tuttavia svolgersi l'appello - sono stati condannati all'ergastolo anche il suo vice Khairat al-Shater e l'ex presidente del Parlamento Saad al-Katatni.Dal 3 luglio 2013, data in cui l'esercito ha rovesciato il presidente Mohammed Morsi dopo settimane di proteste popolari, le autorità hanno lanciato una dura repressione contro isimpatizzanti islamisti dichiarando i Fratelli musulmani "organizzazione terroristica". Stessa sorte per il movimento estremista palestinese di Hamas, legato ai Fratelli Musulmani, dopo che le autorità del Cairo avevano già messoal bando il mese scorso l'ala militare del gruppo, le BrigateIzzedin al-Qassam.(immagini Afp)