Al-Minya, (TMNews) - Un tribunale egiziano ha condannato a morte in primo grado 529 sostenitori del presidente islamico deposto, Mohamed Morsi. Le condanne sono state emesse nell'ambito del maxi processo che vede imputati oltre 1.200sostenitori dei Fratelli musulmani per i disordini del 14 agosto del 2013, a seguito dell'intervento delle forze di sicurezza per sgomberare due sit-in pro Morsi al Cairo e a Giza.Degli oltre 500 condannati solamente 153 sono già in carcere mentre tutti gli altri sono latitanti. Al processo che è in corso ad al-Minya, a sud del Cairo, sono alla sbarra la quasi totalità dei dirigenti dei Fratelli Musulmani. In questa nuova tappa dell'escalation contro il movimento islamista voluto dal governo egiziano guidato dai militari è stata colpita anche la guida sprituale della fratellanza: tra i condannati c'è infatti anche Mohammed Badie, leader del movimento fino alla sua messa fuorilegge.(immagini Afp)