Il Cairo (askanews) - La giustizia egiziana ha assolto 26 uomini accusati di "atti depravati" per aver organizzato o partecipato a "orge omosessuali" in un hammam pubblico. Gli imputati erano stati arrestati il 7 dicembre in un hammam del quartiere di Azbakeya, nel centro del Cairo. Il loro arresto era stato filmato da una giornalista televisiva che aveva denunciato il fatto alla polizia."Eravamo convinti fin dall'inizio della loro innocenza", ha detto uno dei legali della difesa."Ci aspettavamo questa sentenza. Sono stati arrestati in un hammam che ha una licenza da cento anni", ha aggiunto il fratello di uno degli arrestati.Se la legge egiziana non vieta l'omosessualità, molte persone sono state comunque condannate in questi anni per "depravazione"al termine di processi che hanno conquistato i titoli dei giornali. A fine dicembre otto uomini sono stati condannati a un anno di prigione perché comparsi in un video girato durante un matrimonio gay.(immagini Afp)