Milano (askanews) - Il segretario federale della Lega Nord, Matteo Salvini, si è detto preoccupato per l'accoltellamento avvenuto ieri sera di un ebreo ortodosso a Milano e ha chiesto di verificare "qualsiasi organizzazione islamica organizzata, riconosciuta o no, perché c'è tanta gente perbene, ma c'è anche gente che non lo è". Lo ha detto a margine di una manifestazione organizzata da Copagri sul prezzo del latte.Per Salvini "bisogna controllare le partenze e gli arrivi" di immigrati. "Hanno deciso che controlleranno i punti sensibili, ma a questo punto i punti sensibili sono un milione e 200mila cittadini milanesi. Prendere a coltellate una persona perché riconosciuta come ebrea mi preoccupa", ha proseguito l'esponente leghista."Quando dicevamo che con gli sbarchi rischiavamo di avere terroristi in casa ci prendevano per matti, ora non vorrei che l'Intifada dei coltelli fosse al Lorenteggio", ha concluso Salvini.