Ijmuiden, (TMNews) - Doppia azione di Greenpeace per la difesa dell'Artico. Quarantacinque attivisti provenienti da dodici nazioni hanno bloccato due diverse piattaforme petrolifere destinate a trivellare nell'Artico. Nel porto olandese di Ijmuiden, un gruppo di 30 ambientalisti ha bloccato in porto la GSP Saturn, della compagnia di stato russa Gazprom e destinata a trivellare nel remoto Mar di Pechora. Le autorità sono intervenute e la polizia ha arrestato sei militanti."Questa piattaforma non è assolutamente adeguata a operare in Artico. Il personale non ha la preparazione per operare in sicurezza in condizioni climatiche estreme, per questo abbiamo chiesto lo stop" spiega Faiza Oulahasen di Greenpeace.Nelle stesse ore un altro gruppo di 15 attivisti, partiti dalla nave di Greenpeace Esperanza, ha occupato nel Mar di Barents la Transocean Spitsbergen, piattaforma sotto controllo della compagnia petrolifera norvegese Statoil, in procinto ditrivellare vicino alla riserva naturale dell'Isola dell'Orso."Non possiamo permettere - spiegano gli ambientalisti permettere che uno spericolato club di compagnie petrolifere approfitti dello scioglimento dei ghiacci per cercare di estrarre le ultime gocce di petrolio".(immagini AFP)