Parigi (TMNews) - Un anno di scioperi e mobilitazioni non hanno portato risultati concreti alle levatrici francesi. La categoria sta combattendo da 12 mesi per ottenere un riconoscimento delle proprie competenze specifiche con la certificazione dello status di professioniste sanitarie specializzate, punto di riferimento primario per tutte le donne in gravidanza e nel parto. Questo significherebbe un aumento di stipendio ma soprattutto una maggiore autonomia professionale all'interno degli ospedali; le levatrici oggi considerate come paramedici potrebbero prendere in cura direttamente le donne che non soffrono di particolari patologie. Un principio a cui invece si oppongono i ginecologi e i medici ospedalieri.A 12 mesi dal primo sit in davanti al ministero della salute i negoziati sono ad un punto morto, le levatrici sono sempre più scoraggiate e la loro demotivazione si traduce in manifestazioni sempre meno affollate. L'ultima, indetta proprio per celebrare l'anniversario della protesta, ha visto la partecipazione di un cinquantina di persone.(Immagini Afp)