Parte oggi in Aula al Senato l'esame del decreto-legge 28 giugno 2018, n. 79 che proroga al 1° gennaio 2019 u termini per l'obbligo di fatturazione elettronica per carburante ai possessori di partita Iva da parte degli impianti di distribuzione. La proroga di sei mesi dell'entrata in vigore dell'obbligo di fatturazione elettronica permette quindi l'utilizzo, fino alla fine del 2018, dei vecchi metodi di pagamento come le carte carburante. Nel complesso, la perdita di gettito dovuta allo slittamento stimata dalla relazione che accompagna il decreto è pari a 57 mln di euro.