Digione, (askanews) - Terrorismo o folle gesto, la Francia si interroga sulle motivazioni dell'automobilista, che ha investito di proposito un gruppo di passanti al grido di "Allah Akbar", ferendo 11 persone a Digione. Due dei feriti sono in gravicondizioni, ma non in pericolo di vita.Il ministro dell'Interno francese, Bernard Cazeneuve che è andato trovare le vittime in ospedale, prima di recarsi in visita in commissariato, ha invitato tutti alla prudenza precisando che non è ancora chiaro il motivo di questo folle gesto. L'investitore che era già noto alle forze dell'ordine per reati comuni, è stato arrestato e ricoverato in un ospedale psichiatrico.Sabato, un altro uomo era stato ucciso dalle forze dell'ordine dopo essere penetrato con un coltello in un commissariato di Joué-lès-Tours, nel centro della Francia, ed aver aggredito una poliziotta ferendola al viso. L'aggressore era un militante convertito all'Islam originario del Burundi, pregiudicato. Anche lui ha urlato "Allah Akbar", prima di ferire l'agente di polizia.Il presidente francese Francois Hollande ha lanciato un invito ai francesi affinché siano "estremamente vigili" dopo i due attacchi di matrice islamista ma ha precisato che "non bisogna cedere al panico".(Immagini afp)