Al via dal 18 luglio in commissione Giustizia di palazzo Madama l'iter delle proposte di legge sulla legittima difesa. Una priorità della Lega, ribadita più volte in campagna elettorale, ma anche un atto dovuto visto che dei cinque disegni di legge depositati uno è di iniziativa popolare e ha come vincolo del nuovo regolamento del Senato il dover essere incardinato “entro e non oltre un mese” dall'assegnazione. Il testo di riferimento della commissione dovrebbe essere l'As 562 del leghista Massimiliano Romeo che punta a inasprire le pene e a riconoscere la difesa sempre come legittima eliminando il principio di proporzionalità tra offesa e difesa richiesto ora dall'articolo 52 del Codice penale.