New York, (TMNews) - L'Onu fa marcia indietro su Ginevra 2. Dopo aver invitato l'Iran alla conferenza di pace sulla Siria, le Nazioni Unite hanno deciso di ritirare l'invito: Teheran rifiuta di accettare la roadmap stabilita a Ginevra nel 2012, che prevede la nascita di un governo di transizione, e pone il rifiuto come pre-condizione per partecipare ai nuovi negoziati."Il segretario generale è molto deluso dalle dichiarazioni pubbliche dell'Iran che non sono per niente coerenti con l'impegno preso a sostegno della conferenza di pace. Dato che hanno deciso di non condividere gli accordi di base presi a Ginevra, il segretario ha deciso che a Montreux si procederà senza la partecipazione dell'Iran" ha spiegato il portavoce di Ban-ki Moon, Martin Nesirski, alle Nazioni Unite.L'invito all'Iran aveva suscitato le proteste dell'opposizione siriana, che minacciava di disertare i lavori della conferenza se Teheran avesse partecipato: con il passo indietro dell'Onu ha ribadito che a Ginevra 2 ci sarà. "L'obiettivo del vertice è mettere in pratica il risultato di Ginevra I: una credibile transizione politica verso una Siria democratica che integri e preservi sovranità, indipendenza e unità del Paese" ha dichiarato la responsabile degli Affari esteri dell'Unione europea, Catherine Ashton.Le possibilità di trovare una soluzione pacifica al conflitto siriano "non sono così grandi" in assenza dell'Iran, ha dichiarato il viceministro degli Esteri iraniano, Abbas Araghchi.(immagini Afp)