Cuba, (TMNews) - Dopo nove anni di attesa, denunce e polemiche, il governo cubano ha aperto ai media le porte di "Combinado del Este", la più grande prigione del Paese.A favor di telecamera, il carcere di massima sicurezza cerca di mostrare il suo lato migliore: gli interni del cortile sono curati, con grandi spazi in cui detenuti corrono e giocano, perfino a baseball, lo sport americano per eccellenza."I detenuti vivono in collettività. Praticamente non ci sono incidenti. Lavorano e studiano, la famiglia gioca un ruolo importante nella preparazione all'inserimento nella società", dice il colonnello Carlos Quintana.Una descrizione idilliaca di un carcere messo sotto accusa da anni dai dissidenti per le condizioni indecenti delle celle, che non si vedono mai nelle immagini recenti, e del cibo definito "peggiore di quello che si dà agli animali". Denunce suffragate anche da video girati con la telecamera nascosta e poi pubblicati su Internet su canali come "Derechos humanos a Cuba" e da testimonianze dirette come quella del prigioniero Reynol Vicente Sanchez, che in una lunga lettera qualche anno fa raccontava delle celle minuscole, invase da topi e scarafaggi, del caldo soffocante. "Queste condizioni disumane - scriveva sono degradanti per i detenuti".