Roma (askanews) - Graziano Delrio dopo aver giurato nelle mani del presidente della Repubblica Mattarella è il nuovo ministro delle Infrastrutture e nel giorno del suo insediamento subito ha affrontato due dei temi più caldi per il suo dicastero: le grandi opere e l'Expo di Milano. Sul primo punto Delrio ha detto che il ministero lavorerà in strettissimo contatto con il presidente dell'Autorità nazionale anticorruzione, Raffaele Cantone con cui c'è già stato un primo contatto. Il neoministro ha poi definito Expo "una grande sfida, credo siamo riusciti a raddrizzarla abbastanza dopo un momento di grande difficoltà".Graziano Delrio succede a Maurizio Lupi, dimessosi dopo lo scandalo in cui era coinvolto il dirigente Ettore Incalza. 55 anni, 9 figli, con un passato da calciatore, è stato sindaco di Reggio Emilia e presidente dell'Anci, vicino a Renzi fin dall'inizio della sua ascesa nel Pd nazionale. È stato Ministro per gli Affari regionali e le Autonomie nel governo Letta, poi sottosegretario alla presidenza del Consiglio per Renzi.