Calcutta (TMNews) - Trezeguet, Alex Del Piero, Materazzi, Pirès e tanti altri. Sono le star dell'Indian Super League, che ha preso il via nel weekend. Un torneo di calcio arricchito da vecchie glorie sulla strada del tramonto ma dal sicuro impatto mediatico e di richiamo per riempire gli stadi. Su di loro puntano in molti per sfruttare un potenziale enorme a livello di pubblico. Tra i proprietari degli otto club che si contendono la vittoria finale ci sono star di Bollywood, ex campioni di cricket e miliardari."Che esordio fantastico. Spero che i giovani indiani siano coinvolti da questo sport", dice il miliardario Mukesh Ambani, tra i principali finanziatori della Super Lega, al termine del primo match della Isl vinto dall'Ateltico Calcutta contro il Mumbai."E' solo la prima gara, ora lavoreremo duro", dichiara Narbir Kapoor, attore e coproprietario del Mumbai Football Club. Ogni squadra ha il suo top player, da affiancare a giovani talenti per accelerare la crescita delle squadre, del calcio indiano, del pubblico e quindi anche degli introiti. Il campione del mondo francese Robert Pirès, a 41 anni, gioca nel Goa. "E' un'atmosfera incredibile, adorano il calcio, per noi è stupendo". E già tifosi come questo fantasticano su un futuro roseo per l'India del pallone. "Con un po' di fortuna ci potremo qualificare per i mondiali del 2026".(immagini Afp)