Roma, (askanews) - Trainata da sette rimorchiatori MSC Meraviglia ha provato per la prima volta l'ebbrezza del galleggiamento, portando a termine il suo debutto in acqua. La prima delle "Navi del futuro" MSC è stata la protagonista del tradizionale appuntamento del float out, una pietra miliare nel percorso di costruzione di una nave in cui il bacino di carenaggio viene riempito d'acqua e la nave viene spostata in galleggiamento nel molo di allestimento, dovrà proseguirà la fase finale della sua costruzione.

Un'operazione tanto affascinante quanto complessa dal punto di vista tecnico. "Meraviglia" prenderà il mare il prossimo giugno (il varo è previsto a Le Havre nel 2017), è la prima di undici nuove navi da crociera che MSC ha commissionato, di cui otto ai cantieri STX di Saint Nazaire e tre a quelli di Fincantieri a Monfalcone, per un investimento complessivo di 9 miliardi di euro in 10 anni.

Progettata per soddisfare tutte le esigenze dei crocieristi con il suo design all'avanguardia, questa ultramoderna e unica nel suo genere è lunga 315 metri, alta 65 e si prepara a ospitare oltre 5.700 passeggeri.