Roma (askanews) - Si intitola "Lucio Dalla, immagini e suoni", la prima mostra dedicata al musicista bolognese, ospitata al Vittoriano a Roma fino al 22 ottobre. Nell'esposizione, a cura di Ernesto Assante, sei grandi fotografi raccontano Dalla in vari passaggi della sua vita, e la sua musica accompagna il percorso. Giovanni Canitano, Guido Harari, Fabio Lovino, Carlo Massarini, Fausto Ristori e Luciano Viti hanno catturato istanti di vita di Dalla, sul palco ma soprattutto dietro le quinte, dal 1979, anno dell'album "Banana Republic", fino alla sua morte, nel 2012.

Ristori ha immortalato Dalla nei momenti di pausa del tour del 1979 con De Gregori, ironiche sono le foto che Massarini ha fatto al musicista con la squadra di pallacanestro del Banco di Roma, nel 1978. Canitano lo ha ritratto in bianco e nero, Lovino lo ha immortalato nel 2003 nella sua casa, mentre Harari lo ha fotografato nella sua Bologna e Viti negli anni Ottanta a Roma. La mostra offre anche la proiezione di "Senza Lucio", documentario di Mario Sesti.

Ron, amico e collega di Dalla, ha ricordato:

IN 07.23 out 07.41

"Tutto quello che Lucio è riuscito a rappresnetare, tutto quello che è riuscito a rappresentare è finito nelle canzoni, ma quello che era Lucio è quello che la gente immagina che sia stato, perché Lucio è riuscito a comunicarsi con tutto se stesso".