Città del Messico (TMNews) - Il Messico ha accolto il Dalai Lama con una certa freddezza, almeno a livello ufficiale: il leader spirituale tibetano, infatti, non è stato ricevuto dal presidente della Repubblica, ma non per questo ha rinunciato a lanciare i suoi appelli per la pace."Ci sono molte parti del mondo - ha detto il Dalai Lama - nelle quali c'è violenza, in questo momento la situazione più seria mi sembra in Siria. Queste sono le conseguenze dei nostri errori e negligenze del passato. Perciò oggi dobbiamo sforzarci perché questo secolo veda un mondo più pacifico"Il Lama ha parlato anche delle violenze che scuotono il Messico e ha chiesto che "si faccia qualcosa". E poi ha invocato un cambiamento che nasca dal basso."I governi devono agire certo - ha concluso - ma lo sforzo vero e decisivo deve venire dalle persone comuni, dalla popolazione".