Pediatri: occhio alle bufale e sempre monitoraggio medico