Milano, (askanews) - Tra Stati Uniti e Cuba è iniziato il disgelo. Una svolta storica, quella decisa e annunciata in contemporanea da Barack Obama e da Raul Castro, che segna la fine di un'epoca."Siamo tutti americani", ha affermato il presidente Usa durante uno dei discorsi destinato a segnare i suoi mandati alla Casa Bianca. Dopo mezzo secolo di congelamento di ogni relazione diplomatica Obama ha annunciato il ripristino dei rapporti con L'Avana e l'alleggerimento delle sanzioni economiche.In contemporanea, nell'isola caraibica, Castro confermava la svolta, sottolineando tuttavia che la questione dell'embargo economico non è ancora risolta.Obama ha rivolto un appello per un dibattito sulla revoca di questa misura con il Congresso americano, che si annuncia già infuocato visto il successo repubblicano alle elezioni di Midterm.Sia Obama che Castro hanno ringraziato Papa Francesco, personalmente coinvolto in questi negoziati portati avanti nel massimo riserbo. "Desidero ringraziare e salutare il sostegno del Vaticano e del Papa", ha dichiarato Castro.Lo storico annuncio è arrivato qualche ora dopo la liberazione di Alan Gross, contractor americano detenuto da cinque anni all'Avana. Nella stessa giornata sono stati rilasciati tre cubani arrestati negli Stati Uniti.