L'Avana (TMNews) - Svolta all'Avana: la blogger dissidente Yoani Sanchez, a lungo additata come pericoloso nemico della rivoluzione castrista, ha potuto lasciare Cuba per un tour in dodici Paesi del mondo."Ho vissuto questi ultimi giorni - ha detto Sanchez alla stampa - tra incertezza e speranza, con un sentimento a metà tra la gioia di poter viaggiare e la tristezza per tutte le altre persone che non possono farlo perché i diritti non sono ancora uguali per tutti".Il visto, alla blogger, era stato negato molte volte in passato. Ma nonostante l'opportunità Yoani Sanchez ribadisce il legame con il proprio Paese."Quello che è chiaro - ha aggiunto la dissidente - è che io resterò a Cuba. Perché io voglio vivere qui, voglio fare la giornalista qui. Ogni giorno mi sveglio e mi comporto da libera giornalista, e il mio Paese lo deve accettare".Parole dure verso il regime cubano, dunque, nonostante le caute aperture degli ultimi mesi. E, a fronte di temi come la libertà di espressione e i diritti civili forse, un visto per l'estero è ancora poca cosa. Ma intanto il viaggio della 37enne, che inizierà in Brasile e toccherà anche l'Italia, è già un piccolo segnale.(Immagini Afp)