Madrid, (TMNews) - Incriminata con l'accusa di frode fiscale e riciclaggio di denaro. Guai giudiziari per la Cristina di Borbone, la figlia più giovane del re Juan Carlos di Spagna: l'Infanta dovrà comparire in tribunale a Maiorca l'8 marzo nell'ambito delle indagini sulla fondazione per la promozione dello sport che faceva capo al marito, l'ex giocatore di pallamano Inaki Urdangarin. Cristina, 48 anni, è la prima parente diretta del re a comparire in tribunale per il reato di corruzione nella storia della Spagna moderna.Il giudice José Castro del tribunale di Palma di Maiorca, che indaga dal 2010 sul dossier, ha dovuto superare l'opposizione della Procura per incriminare Cristina per presunti reati fiscali e riciclaggio di capitali: si cerca di stabilire se la figlia del re abbia dei legami concreti con le attività illecite del marito, accusato di aver sottratto 6,1 milioni di euro di denaro pubblico dai fondi dell'istituto Noos, da lui guidato tra 2004 e 2006.L'incriminazione arriva nel peggiore dei momenti per re Juan Carlos, che ha appena festeggiato 76 anni. Nella sua prima apparizione pubblica dopo l'operazione all'anca del 21 novembre, è apparso affaticato sulle stampelle. Secondo un sondaggio del quotidiano El Mundo il 62% degli spagnoli è per la sua abdicazione, il sostegno alla monarchia è al 49,9% e ha perso cinque punti in un anno.(immagini Afp)