Ragusa, (TMNews) - Rimettere al centro del dibattito politico l'industria manifatturiera, abolire ogni forma di clientelismo e rilanciare il sistema delle infrastrutture. Sono queste alcune delle priorità individuate nell'ambito del convegno nazionale della Piccola Industria di Confindustria, "L'Italia riparte dal Sud", tenutosi a Ragusa. Il ministro delle Infrastrutture, Maurizio Lupi"E' dal sud che si deve ripartire, ma facendo ripartire il Sud deve ripartire tutta l'Italia. La crisi ha dimostrato come Nord e Sud siano uniti. L'imperativo morale e politico che abbiamo è che le infrastrutture possano essere il motore della crescita".Lupi tuttavia ha avvertito il governatore Crocetta su un impiego virtuoso delle risorse stanziate: "I soldi stanziati - ha detto - vanno spesi bene e nel modo giusto. I soldi ci sono ma non si spendono o si spendono male. Si inizi a fare così, altrimenti revocheremo le risorse". Di una corretta spesa per i fondi europei ha parlato il vice presidente della Commissione Europea Antonio Tajani:"I soldi europei non devono servire a finanziare sagre, concerti o feste. Servono per fare crescere l'economia e vanno quindi concentrati sui progetti industriali che permettono al territorio di fare un salto di qualità".L'appuntamento ora è per il 27 e 28 marzo, quando proprio la Sicilia ospiterà la missione per lo sviluppo.