Roma, 20 giu. (askanews) - Il mondo beve rosa. La Francia, primo produttore e consumatore, domina il segmento dei vini rosati, ma anche i territori italiani si stanno organizzando per intercettare i nuovi trend. Una bottiglia su dieci consumata nel mondo è di vino rosato, secondo i dati del Consiglio interprofessionale dei vini di Provenza, e nella classifica dei produttori la Francia fa da battistrada, con un terzo del mercato. Seguono Spagna, con il 19%, Stati Uniti (15%) e Italia (11%). Il Bel paese oggi produce 330 milioni di bottiglie di rosè e a livello mondiale è quinto consumatore con una quota del 5%.

La nona edizione di Italia in rosa, organizzata a Moniga del Garda dal Consorzio Valtènesi, ha illustrato prospettive e opportunità dei rosati, a cui guardano sempre di più nuovi mercati come Svezia, Canada e Hong Kong. E ha lanciato anche la proposta di tenere annualmente gli Stati generali del vino rosè, perchè essere un vino 'che va di moda' non è sufficiente, bisogna lavorare per crescere e migliorare.

Alessandro Luzzago, presidente del consorzio vini Valtenesi, spiega: "L'attenzione per questa tipologia di vino è in crescita, in Italia siamo al 10%, in linea con la media mondiale e questo significa che c'è un grande spazio, una grande potenzialità espansiva sia della crescita della cultura di questi vini, sia del consumo". Per potere crescere, però, si deve lavorare su punti di forze e debolezze. "In Italia una delle debolezze che abbiamo è quella di non avere statistiche, non avere dati sui quali basare delle strategie, dei percorsi, e poterli verificare". Proprio per arrivare con un messaggio chiaro ai consumatori mondiali, "il consorzio Valtenesi ha sviluppato un progetto di ricerca con il Centre du Rosè che è teso alla caratterizzazione della nostra identità, cioè cercare di capire qual è la nostra diversità, identità, caratterizzazionie. Abbiamo appena investito per il prossimo triennio risorse più ingenti e passeremo ad analisi più fini per sviluppare anche un lessico che ci aiuti a descrivere le caratteristiche dei nostri vini".

Tra le regioni italiane che più puntano sui rosati c'è la Puglia, come spiega Lucia Nettis, presidente dell'Associazione Puglia in Rosè: "La Puglia è arrivata al momento storico di cominciare a ragionare in maniera univoca" e questo nonostante abbia tante aree territoriali diverse e quindi una produzione estremamente variegata. "Proprio per questo le varie identità devono cominciare a ragionare unite, dobbiamo portare sui mercati, soprattutto esteri, una visibilità di vini rosati di Puglia uniti". Un obiettivo che l'associazione sta cercando di portare avanti in modo fattivo: "Il primo passo concreto è l'Ocm vino, un progetto di promozione per il 2016-2017dove l'associazione presenterà attraverso un progetto di circa 400mila euro una promozione e una costruzione di rete vendita del vino rosato di puglia nelle sue gradazioni dal rosa chiaro al rosa scuro nei paesi di Three States America, East Coast America, California, Messico e Hong Kong".