Reno, Nevada (askanews) - Le primarie per le elezioni presidenziali Usa 2016 stanno gradualmente disegnando scenari sempre più concreti. In campo democratico, vittoria importante anche se di misura per Hillary Clinton in Nevada. L'ex segretario di Stato ha superato di un'incollatura il suo sfidante Bernie Sanders che l'aveva battuta in New Hampshire. La sfida si è decisa sul filo di lana e la partita per la nomination democratica alla Casa Bianca resta apertissima in vista del Super-tuesday di martedì 1 marzo."Voglio congratularmi con il senatore Sanders per una gara molto combattuta" ha detto la Clinton rivolgendosi ai suoi sosteniotri. "E ci tengo anche a ringraziare ciascuno di voi per esservi mobilitati ai quattro angoli dello Stato con estrema determinazione. Ringrazio in particolare gli impiegati dei casino e degli alberghi che non mi hanno mai fatto mancare il loro sostegno".Chiave del successo della Clinton è stato il voto delle minoranze. Secondo un sondaggio Nbc Sanders si è aggiudicato il voto ispanico col 53% ma è stato surclassato dalla Clinton sul voto degli afroamericani, visto che solo il 22% ha scelto Sanders. A favore della Clinton anche il voto delle donne mentre tra i giovani sembra aver prevalso Sanders.In campo repubblicano prosegue l'avanzata di Donald Trump, destabilizzante per la machine del partito repubblicano. Il magnate immobiliare ha confermato in South Carolina la sua posizione di grandissimo favorito per la nomination del Grand Old Party ottenendo una netta vittoria."Da domain scenderemo di nuovo in battaglia" ha dichiarato Trump. "Ma voglio congratularmi con gli altri candidati. Non è per niente facile correre per la presidenza, ve lo assicuro. È una gara dura e cattiva. Ricca di colpi bassi ma bellissima. Quando vinci, almeno, è bellissima. E noi stiamo cominciando a vincere, a vincere per il nostro paese".Dopo l'esito del voto, che ha visto il miliardario battere con un ampio margine Marco Rubio, Jeb Bush, il candidato considerato più solido alla vigilia delle primarie repubblicane, ha deciso di gettare la spugna annunciando il suo ritiro.(Immagini Afp)