Roma, (askanews) - Fa paura in Corea del Sud il coronavirus Mers, che ha fatto già sei vittime nel Paese. Una delle ultime, è un uomo di 80 anni morto in ospedale a Daejeon, a 140 chilometri a Sud di Seoul. Sono 87 in totale le persone contagiate e oltre 2000 quelle che potrebbero aver contratto il virus e sono state messe in quarantena. Per fermare subito quella che potrebbe diventare un'epidemia, le autorità locali hanno deciso di chiudere quasi duemila scuole nel Paese, in particolare a Seoul e nella provincia di Gyeonggi.Tra gli ultimi casi registrati c'è anche un 16enne, inizialmente ricoverato per un'altra malattia, e si teme che possa aver contagiato altri ragazzi a scuola. In molti istituti sono state prese misure di sicurezza, gli studenti indossano la mascherina, ma resta la paura."Mi lavo le mani almeno 10 volte al giorno" dice questa studentessa."Ho paura, ho preso un raffreddore e tutti hanno iniziato a evitarmi, ma li capisco - dice quest'altra - anche io eviterei i miei amici se avessero il raffreddore, per paura del virus"Finora i casi di infezione sono stati limitati agli ospedali, ma la Mers, sindrome respiratoria mediorientale mette in allarme tutta l'Asia e dopo l'Arabia Saudita, il Paese con più casi registrati da quando è stato scoperta tre anni fa, si teme che possa espandersi rapidamente.(immagini Afp)