Milano, (askanews) - Dieta mediterranea e corretti stili di vita. Questi obiettivi mettono insieme, per la prima volta, il mondo della produzione con quello della distribuzione alimentare per sensibilizzare il maggior numero di persone a partire dai più piccoli. Grazie alla collaborazione tra Barilla, Coop Italia, Danone e le rispettive fondazioni è nata un'alleanza, aBCD, che ha sviluppato il programma ViviSmart rivolto a famiglie, punti vendita, scuole e medici di medicina generale in partenza il 30 settembre in quattro città: Milano, Genova, Parma e Bari. Alfredo De Bellis, vicepresidente Coop Lombardia ci racconta il progetto

"Vogliamo portare al target fondamentale che è la famiglia una serie di informazioni corrette per poter portare al centro delle abitudini alimentari i principi della dieta mediterrana".

Il programma ViviSmart è stato presentato a Milano, nel Supermercato del Futuro al Bicocca Village che insieme ad altri tre punti vendita è coinvolto nel progetto. Sul territorio poi sono state attivate anche quattro scuole oltre a 6 medici di medicina generale per un totale di circa 1,4 milioni di cittadini, 350 bambini della scuola primaria più altre 25 famiglie coinvolte nel progetto. Del resto anche in Lombardia i numeri sullo stato di salute dei propri cittadini parlano chiaro: il 31% della popolazione con più di 18 anni è in sovrappeso, mentre l'8,7% soffre di obesità.

Salvatore Castiglione, general secretary Danone Italia racconta l'urgenza di affrontare questi problemi sociali:

Il senso dell'urgenza lo abbiamo avuto dopo i dati del ministero della Salute. E' per questo che aziende come noi del mondoo dell'alimentazione hanno questa responsabilità e devono affrontarla con progetti importanti come questo

A livello scolastico il programma dà la possibilità di realizzare un percorso di 7 interventi (di cui uno presso un punto vendita) con i bambini di seconda e quarta elementare attraverso incontri di formazione che consentiranno di rendere non solo partecipi, ma protagonisti, i bambini e le famiglie.

Luca Ruini, responsabile Ambiente di Barilla: "L'industria da una parte fa una proposta e una offerta sui prodotti che si sta cercando di realizzare con dei profili nutrizionali il più possibile migliori come nel caso della riduzione del sale e degli zuccheri - ha spiegato Luca Ruini, responsabile Ambiente di Barilla - ma, dall'altra parte, va ricordato che alla base di tutto c'è la scelta di come durante la settimana si consumano i diversi alimenti e le proporzioni e per questo promuoviamo il modello della piramide alimentare".

Il progetto ViviSmart prevede anche un concorso che è forse la maniera più "golosa" per avvicinare le famiglie a una sana alimentazione: basterà scaricare la app, inviare un selfie coerente con il tema proposto e sperare di essere premiati con uno dei quattro premi in palio, in linea ovviamente con uno stile di vita smart.