"Era dovere morale leggere il dossier, lo abbiamo consegnato anche in italiano"