Parigi (askanews) - Dopo la strage al Bataclan di Parigi, in cui 89 persone sono state uccise dalla furia dei terroristi durante l'esibizione del gruppo rock Eagles of Death Metal, la paura è arrivata fin sotto ai palchi dei concerti. In molti hanno annullato il tour o alcune date, comprese quelle italiane, fra questi Foo Fighters, Coldplay, U2, Lamb of God, Five Finger Death Punch. Secondo il sindacato degli organizzatori di concerti, musical e varietà francesi, Prodiss, questo non è che l'inizio, e serve un intervento del governo per salvasre il settore."Di fronte a questi avvenimenti eccezionali bisogna prendere misure all'altezza - dice Angelo Gopee, di Prodiss - Noi abbiamo valutato in 50 milioni di euro i fondi che ci serviranno a breve termine per mettere in atto le norme di sicurezza per rassicurare il pubblico e per far fronte alle ricadute economiche che ci aspettiamo dalla diminuzione delle presenze".Una delle prime misure che il sindacato predisporrà a breve è il biglietto nominale, per facilitare i controlli. Inoltre chiederà la nomina di un esperto da parte del ministero della Cultura che faccia una analisis delle necessità in fatto di sicurezza di tutte le sale e gli auditorium. Nella speranza che basti a scacciare la paura.