Milano (askanews) - Sicurezza, emergenza casa, disagi diffusi sono alcuni dei temi sui quali i candidati alle primarie per il centrosinistra a Milano sono stati chiamati a rispondere nel corso nel corso del loro primo confronto pubblico.Per Sala è fondamentale ribadire il concetto di Milano come città "aperta" che rifugge gli allarmismi, ed è importante far tesoro in tema di sicurezza dell'esperienza di Expo. "Questi anni e in particolare il 2015 hanno mostrato che i milanesi hanno apprezzato questa città aperta e orientata al mondo e che non vive nella paura. E' chiaro che rispetto a questo, il modello di chi richiama sempre attenzione agli immigrati e alla sicurezza è pazzesco. La sicurezza non si fa a parole o slogan. Ma guardate cosa è successo a Expo, la sicurezza non si vedeva, ma funzionava. La sicurezza si fa nei fatti".Un punto sul quale Majorino si trova concorde, rilanciando a sua volta. "Io se vedo un agente di polizia a Quarto Oggiaro sono più felice - ha detto - e allora ecco una proposta concreta da fare subito al governo: ci hanno mandato qua 1250 agenti in occasione di Expo, allora questa città metropolitana deve averli con sé"E sul tema del riscatto sociale e del sostegno alle persone in difficoltà, Majorino lancia anche la proposta di un "reddito di cittadinanza". "Sto proponendo - ha spiegato - lo strumento di un reddito minimo comunale. Mi piacerebbe che Milano fosse la prima città ad inaugurarlo e penso che possiamo farlo con scelte coraggiose di politiche di bilancio, ma non sconvolgenti".