Dopo il caos informatico che ha caratterizzato la prima applicazione del nuovo spesometro “riformato” i professionisti del Fisco insistono a chiedere un cambio di rotta su questo adempimento, ripristinando i vecchi criteri. In “Focus24” la parola a Massimo Miani, presidente del Consiglio nazionale dei commercialisti