Roma, (askanews) - Quarantuno persone arrestate, di cui 35 in carcere e 6 ai domiciliari: è il bilancio di un'operazione congiunta dei finanzieri di Bari e del Servizio Centrale Investigazioni Criminalità Organizzata di Roma diretta contro appartenenti al clan Misceo-Telegrafo, egemone nel quartiere San Paolo di Bari e con ramificazioni in alcuni paesi dell'hinterland barese.

Eseguito inoltre un sequestro preventivo per un valore complessivo di oltre 3 milioni di euro.

Secondo le indagini Giuseppe Misceo detto "Fantasma" e Arcangelo Telegrafo detto "Angioletto" avrebbero costituito un'associazione a delinquere di stampo mafioso, dedita all usura, all estorsione e al traffico di sostanze stupefacenti. Un'organizzazione che si è avvalsa anche dell uso di armi, compiendo omicidi e vari tentati omicidi, per imporre la propria egemonia sul territorio di competenza, costituito dal quartiere San Paolo di Bari e da alcuni comuni della provincia di Bari, quali Noicattaro e Palo del Colle.

Secondo la finanza, la popolazione era stata completamente soggiogata dalla forza di intimidazione del clan Misceo-Telegrafo.