Bogotà (askanews) - La Colombia sospenderà per un mese i raid aerei contro le postazioni dei ribelli delle Farc. Una decisione che segnala una volontà di accelerare sulla via dei negoziati di pace per porre fine alla più lunga guerra civile dell'America Latina."Per avviare la de-escalation nel conflitto ho deciso di ordinare al ministro della Difesa e ai comandanti delle forze armate di interrompere i bombardamenti sui campi Farc per unmese", ha annunciato il presidente Juan Manuel Santos. I ribelli hanno dichiarato da parte loro una tregua unilaterale lo scorso 18 dicembre."Bisogna riconocere che le Farc hanno rispettato la promessa", ha ammesso Santos. Le Forze Armate Rivoluzionarie della Colombia - organizzazione di ispirazione marxista-leninista - nacquero nel 1964, in risposta a una operazione militare (appoggiata dagli Stati Uniti) per reprimere i circoli di autogestione contadina che si erano sviluppati inalcune regioni colombiane. Da allora, il conflitto è costato la vita a 220.000 persone. Santos ha promesso di porre fine a oltre mezzo secolo di guerra con le Farc. "Passato un mese - ha concluso il presidente colombiano - se le Farc avranno rispettato il cessate-il-fuoco valuteremo se andare avanti con questa misura".(immagini Afp)