Bruxelles (TMNews) - L'Europa prova a sfidare i cambiamenti climatici. La Commissione Ue ha infatti deciso di proporre due nuovi obiettivi vincolanti alle emissioni di gas serra da raggiungere entro il 2030. Rispetto al 1990, Bruxelles proporne un taglio del 20% entro il 2020 per arrivare a una riduzione del 40% dieci anni dopo. Per quella data il consumo di energie rinnovabili dovrà arrivare almeno al 27%. Delusi gli ambientalisti, che ritengono insufficiente soprattutto questo ultimo dato, a fronte di aspettative che arrivavano fino a una percentuale del 45%. Ma esisteva anche il rischio che la percentuale di rinnovabili non fosse proposta come vincolante, cosa che invece la Commissione ha fatto. Il Vecchio Continente ora deve affrontare la prova concreta della riduzione delle emissioni, che avrà impatti significativi anche sulle produzioni industriali e richiederà in un certo senso un cambio radicale di prospettive.