Pechino (TMNews) - Mma, in Cina è anche un modo di mettere al tappeto la miseria. Le Arti marziali miste sono uno sport di combattimento full contact il cui regolamento consente l'utilizzo sia di calci, pugni, gomitate e ginocchiate, sia di tecniche di lotta come leve e strangolamenti.Sino a pochi anni fa era una disciplina sconosciuta oltre i confini dell'ex Impero di mezzo. Come spiega Wu Haotian, atleta Mma: "Non sapevo nemmeno che esistesse. Quando ho cominciato a fare gare nel 2006 mi sono accorto che era molto divertente perché praticamente non esistono limiti".A differenza dei professionisti che negli Stati Uniti guadagnano stipendi a sei cifre, i neofiti cinesi si devono arrangiare in un ghetto di Pechino. Quasi tutti vengono dalle campagne e questo sport diventa uno strumento di crescita sociale. La loro società sportiva fornisce addestramento, pasti caldi e poco altro. Ma c'è chi vede il bicchiere mezzo pieno: "Tutti i campioni hanno sempre dovuto affrontare tempi duri. Qualcuno se l'è vista peggio di noi. Almeno qui abbiamo da mangiare, possiamo considerarci fortunati".A chi sfonda, il futuro promette una vita migliore. Adesso le gare vengono organizzate in quasi tutta la Cina, con la prospettiva di un mercato potenzialmente immenso."Stasera la borsa per il vincitore", ricorda Yao Honggang, uno dei primi campioni cinesi di Mma, "vale 10mila dollari". Una fortuna da queste parti. Ma che arriva sempre a caro prezzo.(Immagini Afp)