Pechino (TMNews) - La recessione arriva anche in Cina. Il governo di Pechino, infatti, ha vietato agli alti ufficiali delle proprie forze armate di utilizzare targhe militari su automobili di lusso. Non se ne vedranno più, dunque, su auto come Jaguar, Mercedes e Porsche considerate dai cittadini un simbolo di privilegi e corruzione, soprattutto perché permettono di non pagare i pedaggi e avere la precedenza nel traffico.La disposizione governativa prevede anche un inasprimento dei controlli per evitare che le targhe della discordia siano assegnate a parenti e amici di chi ne ha normalmente diritto.Secondo i cittadini, tuttavia, non è sufficiente. Bisognerebbe proibire del tutto ai militari di comprare auto di lusso perché, sostengono, in ragione del proprio ruolo, queste persone dovrebbero dare il buon esempio e cambiare atteggiamento.