Pechino (askanews) - Centinaia di familiari delle vittime del naufragio della nave da crociera affondata martedì notte nel fiume Yangtze, in Cina con 456 persone a bordo hanno partecipato a una fiaccolata per commemorare i morti nella tragedia, in gran parte anziani in crociera.I parenti delle circa 400 persone ancora disperse nel naufragio per una tempesta lunedì, hanno anche inscenato una protesta vicino al luogo del naufragio. Hanno rotto i cordoni della polizia vicino al fiume a Jianli, nella porvincia di Hubei, chiedendo maggiore trasparenza nelle informazioni.I media di stato cinesi dicono che, finora, sono 65 i morti confermati per il capovolgimento della nave. I soccorritori continuano a lavorare nonostante la pioggia, ma da martedì non ci sono stati ulteriori salvataggi. Anche se, secondo quanto riferisce l'agenzia di stampa ufficiale Xinhua, "potrebbero esserci ancora sacche d'aria nello scafo". Quindi c'è ancora speranza di trovare qualcuno vivo.Molti dei parenti, arrivati anche da Nanchino, non sono convinti dalle spiegazioni ufficiali, secondo le quali i parametri di sicurezza erano rispettati sulla nave. Le famiglie si chiedono come mai la nave sia affondata così presto e non vi sia stato un allarme.(Immagini Afp)