Milano (TMNews) - Cina e Taiwan alla ricerca di un accordo. Per la prima volta dalla fine della guerra civile del 1949 delegazioni ufficiali dei governi cinese e taiwanese si incontrano per discutere lo sviluppo delle relazioni tra "le due sponde dello Stretto di Taiwan", espressione diplomatica usata per evitare di urtare la sensibilità dell'uno o dell'altro soggetto al tavolo.L'incontro si svolge in un luogo simbolico, Nanchino, una delle città più antiche del Paese e il luogo che i nazionalisti di Chiang Kai-shek scelsero come loro capitale.Wang Yu-chi, alto funzionario taiwanese incaricato delle relazioni con la Cina continentale è arrivato nella "Capitale celestiale" per incontrare il suo omologo Zhang Zhijun, responsabile dell'Ufficio cinese per gli affari taiwanesi. I colloqui dureranno quattro giorni dal 10 al 14 di febbraio.Taiwan è di fatto indipendente dal 1949 e si è dotata di un sistema democratico pienamente funzionante. Pechino continua a ritenerla una provincia ribelle, che dovrà inevitabilmente ricongiungersi alla madrepatria.(Immagini Afp)