Roma, (TMNews) - Un nuovo sanguinoso attentato è stato compiuto in un mercato all'aperto di Urumqi, capoluogo della regione musulmana dello Xinjiang, nell'ovest della Cina. Secondo l'ultimo bilancio delle autorità locali, almeno 31 persone sono morte e oltre 90 sono rimaste ferite. Due veicoli carichi di esplosivo si sono diretti a tutta velocità contro la folla: gli occupanti hanno lanciato granate e, subito dopo, uno dei due mezzi è saltato in aria.Vicino al luogo delle deflagrazioni si trova anche il Palazzo della Cultura di Urumqi. Un testimone ha detto di avere udito almeno "una dozzina di esplosioni". "Ho visto le fiamme e colonne di fumo nero. I commercianti sono fuggiti via da ogni parte, abbandonando le loro merci", ha spiegato.I media ufficiali cinesi hanno evocato "un atto terroristico". Il presidente Xi Jinping ha chiesto a tutte le autorità e le forze di sicurezza una risposta rapida e ferma.