Milano (askanews) - Si chiamano Chérif, a sinistra nella foto, e Said Kouachi, a destra, 32 e 34 anni, i due fratelli sospettati di essere gli esecutori della strage nella sede parigina del giornale satirico Charlie Hebdo. La polizia francese ha diffuso le foto dei due uomini specificando che sono "armati e pericolosi".I due fratelli, francesi, nati a Parigi, di origine algerina, erano noti all'anti terrorismo francese per le loro posizioni estremiste. Entrambi erano andati a combattere in Siria, paese da cui sono tornati l'estate scorsa; il più giovane, Chérif, è stato condannato nel 2008 a 3 anni di reclusione con l'accusa di essere un membro attivo di una cellula di Buttes-Chaumont che reclutava giovani da mandare a combattere in Iraq al fianco di Al Qaeda.La polizia francese è riuscita a risalire ai loro nomi dopo aver ritrovato la carta di identità di Said sulla Citroen C3 abbandonata durante la fuga dopo il massacro, vicino Porte de Pantin. Fondamentali anche le immagini di una telecamera a Pantin e la descrizione dell'automobilista a cui i fuggitivi hanno sottratto la macchina.Il terzo sospettato, Hamyd Mourad, 18 anni, si è consegnato alla polizia, sostiene di non c'entrare nulla con l'attacco e di avere un alibi.(Immagini Afp)