Trovate nel cervello le aree coinvolte nelle distorsioni della percezione tipiche della malattia. Viene contraddetta la teoria finora più accreditata che collocava l'origine della malattia nella corteccia frontale