Milano (askanews) - Si terranno il 7 febbraio 2016 le primarie del centrosinistra per individuare il candidato sindaco di Milano. Il via libera ufficiale è arrivato dai segretari dei partiti e dei movimenti che fanno parte della coalizione che nel 2011 portò alla vittoria di Giuliano Pisapia che ha annunciato non si ricandiderà per un secondo mandao. "E' un accordo che premia la piena lealtà indipendentemente da chi saranno i candidati, se questi rispettano la carta dei valori e decidono di concorrere nelle primarie del centrosinistra" ha spiegato il segretario del Partito Democratico di Milano Pietro Bussolati, sottolineando che "il Pd ha sempre detto di voler fare le primarie e di volere unacoalizione di centrosinistra perché da noi il candidato sindaconon lo scelgono le segreterie dei partiti né un grande leadersolo al comando ma le milanesi e i milanesi".L'unica forza politica del centrosinistra milanese che non ha sottoscritto l'accordo per le primarie è quella dei Comunisti italiani che con il segretario lombardo Vladimiro Merlin spiegano che "se tutti i candidati sono dentro al percorso che ha portato alla vittoria di Pisapia, noi ci sentiamo di sostenerli altrimenti non ci staremo".