Ventimiglia (askanews) - A Ventimiglia stanno emergendo tutti i nodi mai risolti della questione immigrazione e della gestione del fenomeno da parte dell'Unione europea. Centinaia di migranti da giorni stazionano qui, impossibilitati ad attraversare la frontiera francese. Alcuni di loro bivaccano sugli scogli, vicino al confine, altri sono stati spostati in stazione, dove la Croce Rossa, come spiega uno dei volontari Lorenzo Semeraro, ha un unico obiettivo. "Dare un aiuto a queste persone, una prima assistenza, distribuzione di pasti caldi e acqua, stiamo cercando di portare queste persone dalla frontiera a qua per dar loro la giusta assistenza".Secondo i dati della Croce Rossa ci sono almeno 650 persone in città dove la situazione, ha spiegato il sindaco Enrico Ioculano, è tranquilla, anzi la cittadinanza ha risposto con grande generosità. "La città sta dimostrando una maturità e una solidarietà assolutamente encomiabili".Ioculano, dopo aver sottolineato che il neo governatore della Liguria Toti non si è ancora visto, ha chiesto che si trovi presto una soluzione per tutte queste persone, aprendo le frontiere e lasciandole passare. Un'opzione a cui la Francia ha già risposto con un lapidario "Se ne occupi l'Italia".