Palermo (askanews) - Il presidente dell'Anas Pietro Ciucci ha effettuato un sopralluogo sulla Statale Palermo-Agrigento, all'altezza di Mezzojuso, per rendersi conto coi propri occhi di quanto accaduto lo scorso 30 dicembre, quando un tratto del viadotto Scorciavacche, inaugurato solo 7 giorni prima, ha ceduto."Che sia un errore questo è evidente. Vediamo quando si è verificato. Rimane un fatto che non doveva verificarsi dopo sette giorni o dopo sette anni".La strada, come ha ricordato lo stesso Ciucci, è stata chiusa ai primi segnali di cedimento, il che ha evitato che potessero nascere pericoli per gli automobilisti. Sul fatto ha avviato un'inchiesta la Procura di Termini Imerese. A proposito dei costi provocati dal danno, Ciucci ha parlato di 100-200mila euro.Infine, sulla riapertura della strada percorsa giornalmente da migliaia di automobilisti, Ciucci ha auspicato che possa avvenire prima della primavera."Ripristineremo il tutto, individueremo le responsabilità e su questo siamo in sintonia con il governo".