Milano, (TMNews) - "Noi eravamo convinti delle nostre ragioni. Le sentenze nessuno le può prevedere, contavamo su questo risultato perchè eravamo sicuri di avere ottimi argomenti difensivi". Così l'avvocato Franco Coppi, legale di Silvio Berlusconi, commenta la sentenza di assoluzione nei confronti dell'ex presidente del Consiglio da parte della seconda Corte d'Appello di Milano nel processo sul caso Ruby. "Fermo restando che bisogna attendere le motivazioni della sentenza, la prima per quel che riguarda la concussione è addirittura radicale nel senso che escludendo il fatto vuol dire che non c'è stata nessuna condotta riconducibile all'ipotesi della concussione. La seconda formula è più elastica e può essere interpretata nel senso che sia stato escluso il reato per mancanza di dolo, ma è compatibile con diverse situazioni e bisogna dunque aspettare la motivazione. Una delle ragioni della mancanza dell'elemento soggettivo può essere la mancata conoscenza dell'età della ragazza".