Roma, (askanews) - La Corte Suprema di Nuova Delhi ha stabilito che il fuciliere di Marina, Massimiliano Latorre, potrà restare in Italia fino al 30 settembre. L'annuncio della Farnesina che, in una nota, ha spiegato che il governo italiano - in seguito alla decisione del Tribunale del Diritto del Mare - considera sospesa e quindi priva di valenza giuridica la giurisdizione indiana sul caso. Il presidente della seconda sezione del Tribunale indiano ha comunque fissato una nuova udienza per il 20 settembre prossimo.Latorre si trova in Italia dalla fine del 2014 per ristabilirsi dopo un intervento al cuore subito per un attacco di ictus. Sul tema è intervenuta, con un tweet, la ministra della Difesa, Roberta Pinotti: "Sul caso Marò riconosciamo e ribadiamo la decisione del Tribunale del Diritto del Mare: la giurisdizione indiana non ha valenza".Solamente pochi giorni fa, il presidente della Repubblica, Sergio Mattarella, aveva ribadito l'impegno dell'Italia per portare a conclusione la vicenda dei due fucilieri italiani. I due militari sono accusati di avere ucciso, nel febbraio 2012, due pescatori del Kerala durante un'attività antipirateria a bordo del mercantile Enrica Lexie. Il Tribunale del Mare di Amburgo, la scorsa estate, ha ordinato a Italia e India di sospendere ogni forma di giurisdizione sul caso fino a quando non si sarà pronunciato il Tribunale arbitrale dell'Aia.