Roma, (askanews) - "Quanto al paragone con Welby, in quel caso è intervenuto il vicario del Papa assumendosene la responsabilità e disponendo che non si celebrassero i funerali. Welby era non più considerato cattolico. Pregare per un morto, chiunque esso sia, non è proibito. Anche con Welby i salesiani hanno pregato, e molto, e la chiesa è rimasta aperta tutto il giorno".