Roma (TMNews) - L'ex ministro Claudio Scajola è statoassolto dal Tribunale di Roma con l'accusa di finanziamentoillecito in relazione all'acquisto e alla ristrutturazione di unappartamento con vista sul Colosseo. L'assoluzione è statadichiarata perché "il fatto non costituisce reato".Nel medesimo processo era imputato anche l'imprenditore DiegoAnemone, per lui le accuse sono cadute per intervenutaprescrizione.I pm avevano chiesto tre anni di condanna sia per Scajola che per Anemone e il pagamento di una maxi multa di due milioni di euro. Secondo l'accusa, Anemone avrebbe pagato, attraverso l'architetto Angelo Zampolini, una parte (circa 1,1 milioni di euro su 1,7 milioni) della somma versata nel luglio del 2004 da Scajola per acquistare l'immobile e avrebbe poi dato centomila euro per i lavori di ristrutturazione dell'appartamento.