Roma, (askanews) - "L'operazione ultima chance" è riuscita: il cargo Modern Express, andato alla deriva per un'intera settimana nel Golfo di Guascogna, è stato agganciato dal rimorchiatore spagnolo Centaurus. Gli esperti delle squadre di soccorso hanno deciso di fare rotta verso Ovest, cioè verso il largo, perché le condizioni del mare non consentono un rimorchio in spiaggia. Il cavo usato per rimorchiare il cargo potrebbe infatti spezzarsi e a quel punto la nave sarebbe alla deriva in prossimità della costa, una situazione troppo pericolosa. L'obiettivo è quindi guadagnare tempo finché le condizioni meteo, al momento molto burrascose con onde alte tre metri, consentano un rimorchio sicuro verso terra.Il Modern Express, battente bandiera panamense, è stato evacuato via elicottero perché l'equipaggio ha perso il controllo della nave durante una tempesta: trasporta un carico di legname e macchinari industriali e quindi non c'è il rischio di una catastrofe ambientale. Nel serbatoio, il cargo ha 300 tonnellate di carburante (la petroliera "Prestige", naufragata nel 2002 al largo della Galizia, trasportava 77.000 tonnellate di petrolio e ne riversò in mare 63.000).La prefetta delle Landes, Nathalie Marthien, ha spiegato così la situazione:UPS1 afp 14:09 01:03-01:42"Oggi il cargo è completamente integro, non si sono rilevate perdite di carburante ma chiaramente il rischio, se dovesse arenarsi sulle nostre coste, sarebbe che si aprissero delle falle. In questo caso, ci sarebbe una perdita di carburante e ci dobbiamo preparare per questa eventualità, pur sapendo che questa nave ha qualcosa come 300 tonnellate di combustibile, il che provocherebbe un inquinamento relativamente limitato".La prefettura ha quindi mobilitato mezzi dei pompieri e unità militari della sicurezza civile per cominciare ad apprestare barriere e reti: queste saranno posizionate al largo dei punti della costa a sud di Bordeaux giudicati più delicati in termini ecologici, per contenere l'impatto di eventuali perdite del Modern Express.