Capri (askanews) - Guerra al gioco d'azzardo a Capri. Sull'isola del golfo di Napoli il fenomeno della ludopatia ha raggiunto livelli esorbitanti innescando problematiche di carattere sociale nelle famiglie. Franco Cerrotta, Il sindaco di Anacapri, uno dei due comuni dell'isola azzurra, ha lanciato una vera e propria crociata contro videopoker e slot machine. "E' un argomento particolarmente sentito - ha spiegato - Qualsiasi sindaco, sollecitato dalla popolazione, non può non raccoglere questo grido d'allarme".Il sindaco ha approvato il regolamento sui giochi leciti, che pone una serie di limitazioni e restrizioni: Abbiamo stabilito la difesa dei luoghi sensibili, scuole, chiese. Abbiamo anche la necessità di far partecipare la popolazione attraverso un referendum popolare". Anacapri sarà il primo comune italiano a ricorrere al referendum contro i videopoker.Bruno Lucca, del circolo ricerativo "Diaz" è uno dei tanti gestori di slot machine che ha raccolto l'invito dell'amministrazione comunale prima ancora del passaggio refererendario. Entro pochi giorni tutte le slot saranno rimosse.